Uno di quei giorni…

Uno di quei giorni…

Uno di quei giorni…

il cielo sfolgorava al tramonto
come i tuoi occhi
(riflessi come lampi)

un bacio nell’ombra
che colava dai monti

il profumo dei boschi
così struggente
da cavare l’anima

Uno di quei giorni…

il torrente rumoreggiava
consolando della vanità
del tempo a venire

era agosto

era voce di figlia o di madre
(l’una è come l’altra)

Uno di quei giorni…

era il silenzio delle stelle
camminando nella bohème
del buio laccato, lacerato
da quei puntini là
persi nell’infinito

Oggi…

nello storto presente
il pensiero si salva
solo al pensiero
di uno di quei giorni…

Alberto Figliolia

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...