A Davide

Ciao, Davide. Che l’infinito accolga la tua bontà e intelligenza nella sua luminosa essenza.
 
Di che colore erano i tuoi occhi, Davide?
Non importa.
I tuoi occhi vedono ora
tutti i colori dell’arcobaleno;
i tuoi occhi portano ora
tutti i colori dell’arcobaleno.
I tuoi occhi rinascono
a nuova vita, a nuova vista.
 
Non sarà la colomba
che a capo rovesciato piomba
sull’umanità espiante;
non sarà l’agnello che avanza
aureolato di luce santa;
non saranno i panni del tramonto
che scivolano sulla Terra stanca;
non saranno i mobili simboli delle costellazioni
che dipingono il cielo dall’origine
a dare un senso a questi giorni,
a questo tremare convulso,
al faticare senza senso;
saranno i tuoi occhi che vedono ora
tutti i colori dell’arcobaleno;
i tuoi occhi che portano ora
tutti i colori dell’arcobaleno;
saranno i nuovi occhi
che essi abitano
e le lacrime che ne sgorgheranno
e il riso che li accenderà
di baleni d’eterno.
 
Saranno i tuoi occhi…
un arcobaleno, fra il prima
e il dopo, Davide, amico mio…
 
Milano-Baggio, giovedì 23 luglio 2020
 
Alberto Figliolia
 
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...