“Senza memoria anche i banchi di scuola-Chernobyl, 26 aprile 1986”

Senza memoria anche i banchi di scuola.

Nelle lande dell’invisibile morte

solo lupi dal muso deforme

e il vento è un verso

che morde l’anima.

Bambole abbandonate nelle stanze

delle bambine in fuga

verso salmastre salvezze;

un pallone da calcio, che fu sogno,

per il futuro dirottato di un bambino.

Sui tetti, lontano, cade la pioggia

e il terrore è una spada

che fruga lenta, implacabile,

nei meandri della mente.

Emaciate figure dietro i vetri,

fantasmi di pallido piombo,

parole disperse nell’eco del silenzio,

evanescenze di crepuscolo…

Perché della Terra far ventre d’orrore?

Scivolava il cuore nelle viscere più nere

mentre l’aria girava a vuoto

e uomini in tute di plastica salivano

il calvario dell’oblio.

Senza memoria anche i banchi di scuola.

Nelle lande dell’invisibile morte

solo lupi dal muso deforme

e il vento è un verso

che morde l’anima.

Alberto Figliolia

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a “Senza memoria anche i banchi di scuola-Chernobyl, 26 aprile 1986”

  1. Silvia ha detto:

    La poesia è la più splendida e utile forma di memoria. Questa ne è un superbo esempio.

  2. Franco ha detto:

    Grazie Alberto! Un abbraccio!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...