Archivi del mese: agosto 2016

A Pietro Mennea

Croce di nervi e muscoli, Pietro, la mascella serrata sul mondo, lo sguardo divorato dall’attesa ai blocchi di partenza, e quella curva fatale come una piccola rotta astrale, un breve giro nell’armonia del dolore prima della retta finale, della liberazione… … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Ascolto la notte…

Ascolto la notte, il buio fruscio delle gomme sull’asfalto bagnato, il lento rotolio dei motori contraltare al canto di uccelli svaniti. Il solitario gracchio di un corvo graffia l’insonnia, il suo spento vento. Immagino la corona delle montagne accendersi della … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Vi inviterò a raccogliere…

Vi inviterò a raccogliere non una parola che intrighi, ma una lampada schermata, una lanterna intrecciata, un lume improiettabile, ciò che sia impraticabile nido, insomma la ragnatela del sogno…   Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Nessun eroismo in questi giorni

Nessun eroismo in questi giorni, non gloria in questi luoghi di vetro, fra parole storpiate e storpie idee: chi più strepita e grida terre si conquista di menzogna e sragione ovvero divise da gioco d’infamia quartate.   Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Un boncio faceva le fusa

Un boncio faceva le fusa: guarmine erano le sue pupille. Forse il suo dolce rantolo era niente di più che un baliere: mite sberleffo, languida illusione. Mi sentii come un gandavugli.   Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Al 69° piano

Al 69° piano…   Al 69° piano… in un ascensore dal tettuccio pitagorico insieme con un nano (pareva Henri de Toulouse-Lautrec: il cappello a bombetta pronunciata, le gambe corte, un pennello nel taschino, la r forbita) fra salita che era … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

L’oziosa quadratura delle decadi

L’oziosa quadratura delle decadi L’ansante trigono della fortuna Un amante austero, astratto e sestile Rapiti da rivoltanti visioni Invaghiti di eretici in pince-nez L’oppio della pietà scandito a sillabe Don Giovanni e res cogitans, scorpioni Passi doppi, danze, dondoli e … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento