haiku del 17 agosto 2017

Alpine landscape.
Horizons behind the light.
Clouds sail in silence.

 

Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

“E coloro che furono visti danzare…”

“E coloro che furono visti danzare”

Weg im Dunkeln
Schmuggler
Unterwelt
Geräusche
Gestalten

Fra noia e dolore…

Krebs
Feuer
Brücken im Moor
Versteck
Buch

“vennero giudicati pazzi da coloro che non potevano sentire la musica”

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

acque reflue

acque reflue

Dio Madre onnipotente

supereroine e supereroi posticci alle colonne di un ponte

denti di cobra che grondano miele

ombre circolari per saecula saeculorum

case-fungo piantate nella pianura di cemento

il violento brusio della folla accatastata nel palazzo delle leggi

Belial e i suoi seguaci

il lamento della Terra dai fiumi fumanti

gorghi di plastica e mercurio

 

Alberto Figliolia

 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

impressioni all’alba di un 6 agosto

impressioni all’alba di un 6 agosto

radici maligne
visioni
il tubare di tortore
il crepuscolo
un amplesso
il soffio di un aereo basso
il silenzio
il motore di un’auto
i tigli secchi
la penombra nuda
il sole a strisce
una sconsolata vaghezza
un’inconosciuta tristezza
il reiterersi del verso delle tortore
il loop di ricordi sfarinati nella folla delle domande
un amplesso
la città all’orizzonte muto
il fantasma dell’afa
il deserto dell’anima
un amplesso
generazioni di mostri
vuoto
noia
il dormiveglia
ancora il verso delle tortore
un sogno tardivo
moai su una spiaggia di lava
tempeste
bonacce
la bolgia di ogni oggi atemporale
l’orgia degli inutili perché
un amplesso
cadere cadere cadere
gouffre!
pneumatiche crocifissioni
soldati allo sbaraglio
cauchemar!
un amplesso

Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Tre haiku

Argento fuoco

strade e piazze d’agosto.

Muti anche i grilli

 

Pensieri fermi

in rugginose ruote.

Afa d’estate.

 

Nella canicola

s’aggroviglian pensieri

caudate mosche

 

Milano, giovedì 3 agosto 2017

 

Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

waka del 28 luglio 2017

Alba ocra tenue.

Echeggiano paurosi

nell’aria immota

i silenziosi voli

di uccelli primordiali.

 

Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Nacqui

Nacqui

Nacqui

in una casa che non c’è più

dove un remoto giorno

del presente mi avrebbe condotto

mio padre malato.

Nacqui

quasi sulla riva del fiume

perduto da una cicogna

o forse da una gru meccanica.

Nacqui

con la camicia e rosso

come un tuorlo d’uovo.

Nacqui

che era il tramonto,

fra gli ultimi garriti

delle rondini e il tardivo schiamazzo

di un’officina vicina,

e nel cortile c’era la polvere

e sulle scale di ferro

riposavano mosche d’oro.

Nacqui

marchiato dalla malinconia

di fine estate e da quella delle nubi

che si disfano all’orizzonte.

Nacqui

e non sapevo di presagi

o ambizioni o sogni.

Nacqui

e non so se mai rinacqui.

Nacqui

postumo, come disse il filosofo,

e questo è tutto quel che so;

tutto quel che so

prima dell’ignoto.

Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento