impressioni all’alba di un 6 agosto

impressioni all’alba di un 6 agosto

radici maligne
visioni
il tubare di tortore
il crepuscolo
un amplesso
il soffio di un aereo basso
il silenzio
il motore di un’auto
i tigli secchi
la penombra nuda
il sole a strisce
una sconsolata vaghezza
un’inconosciuta tristezza
il reiterersi del verso delle tortore
il loop di ricordi sfarinati nella folla delle domande
un amplesso
la città all’orizzonte muto
il fantasma dell’afa
il deserto dell’anima
un amplesso
generazioni di mostri
vuoto
noia
il dormiveglia
ancora il verso delle tortore
un sogno tardivo
moai su una spiaggia di lava
tempeste
bonacce
la bolgia di ogni oggi atemporale
l’orgia degli inutili perché
un amplesso
cadere cadere cadere
gouffre!
pneumatiche crocifissioni
soldati allo sbaraglio
cauchemar!
un amplesso

Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Tre haiku

Argento fuoco

strade e piazze d’agosto.

Muti anche i grilli

 

Pensieri fermi

in rugginose ruote.

Afa d’estate.

 

Nella canicola

s’aggroviglian pensieri

caudate mosche

 

Milano, giovedì 3 agosto 2017

 

Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

waka del 28 luglio 2017

Alba ocra tenue.

Echeggiano paurosi

nell’aria immota

i silenziosi voli

di uccelli primordiali.

 

Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Nacqui

Nacqui

Nacqui

in una casa che non c’è più

dove un remoto giorno

del presente mi avrebbe condotto

mio padre malato.

Nacqui

quasi sulla riva del fiume

perduto da una cicogna

o forse da una gru meccanica.

Nacqui

con la camicia e rosso

come un tuorlo d’uovo.

Nacqui

che era il tramonto,

fra gli ultimi garriti

delle rondini e il tardivo schiamazzo

di un’officina vicina,

e nel cortile c’era la polvere

e sulle scale di ferro

riposavano mosche d’oro.

Nacqui

marchiato dalla malinconia

di fine estate e da quella delle nubi

che si disfano all’orizzonte.

Nacqui

e non sapevo di presagi

o ambizioni o sogni.

Nacqui

e non so se mai rinacqui.

Nacqui

postumo, come disse il filosofo,

e questo è tutto quel che so;

tutto quel che so

prima dell’ignoto.

Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La donna-gatto rossostriata…

La donna-gatto rossostriata…

La donna-gatto rossostriata offre il pube alla scimmietta sotto i lucenti macchinari di cuoio-acciaio-legno; un pipistrello la osserva mentre si sfila i lunghi guanti neri.

La città, fuori, scintilla nella notte; croci uncinate sulle fiancate degli sferraglianti tram attraggono la psiche dei bevitori di birra mista ad assenzio.

Di chi furono quegli stivaletti dai lacci sciolti, abbandonati su una seggiola di legno triste e scheggiata? Chi li calzò? Una reduce dal gran ballo della disillusione?

Sopravvissuti alle trincee oliano i meccanismi del proprio dolore, pulendo un moncherino con l’altro moncherino; mascelle di ferro perdono saliva, le orbite vuote sono un canto inudibile.

Sull’asse da stiro giacciono budella e velli, incandescenti lame e fiori appassiti.

Il sogno di lei sull’amaca, le coppe dei seni all’aria bollente di luglio, le calze arrotolate (un buco sul tallone): l’anello del tradimento al dito, al polso sinistro un braccialetto di ricordi scarificati, l’aria languida del coito orale appena consumato: si dondola, si dondola, soddisfatta, si lecca le labbra, i bei capelli neri scomposti dal piacere che è stato; mi guarda, mi guarda… “Ancora”… Ci diciamo nell’atmosfera rovente… E sorride prima d’accasciarsi.

Lontano la camera di un suicida conserva i suoi segni: panni stesi ad asciugare, muri macchiati d’umidità, povere stampe appese sopra il letto sfatto, un mastello vuoto, sopra il tavolo una brocca sbeccata, un avanzo di pane, un pennello da barba.

Lo sbuffare, nel sogno, di una locomotiva lanciata nella neve, il faro acceso a squarciare la grigia nudità del mondo. E binari vacui, assenti, tutt’intorno.

Dalla finestra, alzandosi con uno sforzo, si potrebbe scorgere un biplano volteggiare come un falco; chiacchiere di quartiere; crocchi di bambini scalzi; ruote dentate e ingranaggi arrugginiti, una carriola su cui giace una piccola bara.

Sulla porta s’incontrano amanti senza volto; la pianura muore piatta in un banale orizzonte.

Un rachitico a braccetto con una schiava dai campi di cotone sudisti; sterno d’uccello lui, un grembiule di paura e desiderio lei.

Un amore mercenario in stivali, un incrocio saffico, una ierodula con le trecce.

I tre magnati dell’industria fumano – sigaro, sigaretta e pipa – nel mentre delle ciminiere che sputano veleni e ideologie al soldo.

Il soprammobile del Kaiser tagliateste scruta la vecchia con il maialino in mano e il chiodo conficcato nel cranio, la vecchia ha lo sguardo strabico e sorridente, e il marito dalla bocca di cinghiale; un filosofo senza cervello pugnala uno scorpione dagli occhi enormi; simboli di fede splendono tenebrosi ovunque.

La sua bellezza è classica, perfetta come la dea cui s’ispira, eppure la morte è in ogni cellula.

Camminano lungo la via facce che non sono facce; un giovane ardente con una sola scarpa spia l’amata in catalessi da un pertugio nel muro della casa sventrata dalle bombe; un vaso di fiori, un’altalena, stampelle, trappole per topi, tarocchi sparsi ai piedi del letto, una candela spenta, un dinosauro di plastica.

Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Delft Delfi

Delft Delfi aPhila e fondi obbligazionari a Fondi-sti oracolare Vermeer tracollare wanton a Canton Riso amaro Vallone Raf Royal Air Force Forse che sì forse che no no no no nonna nonna la nonna di Beethoven Mozart con Costanza sull’omonimo lago Anonimo veneziano rondò rondini rondoni rondelle rivoluzionarie Galileo Inquisizione Eppur si muove Superman Krypton perduti nello spazio del Kansas Oz Ozzy Osbourne Paranoid

Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Filamenti di stelle nella ragnatela dell’oscurità

L’inferno rosa
Il numero 8 luminescente
Una sega elettrica estirpa i nei
Corpi addormentati fra funghi allucinogeni
Licantropi con il berretto da baseball
Una sterminata pianura di creature crocifisse
Il bagno con le pareti scrostate e da ogni crepa del muro un cangiante delitto
Scoperchiato il tetto filamenti di stelle nella ragnatela dell’oscurità
Bolle sostengono la casa
Uomini simbionti di pietre grigie

 

Alberto Figliolia

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento