Magic Johnson

Earvin Johnson Jr. (Magic)

La Ville Lumière e l’oscura Senna,

l’odorosa mole di Notre-Dame

e i gradini di Montmartre;

notti di gloria e giorni vacillanti…

Non fu il mal francese,

ma un altro di subdola specie,

comparsa tragica e solitaria,

a invaderti pian piano:

capitato perché?

Che sconforto e che abbandono

potesti subire da chi

ti aveva, prima, tanto osannato?

Predestinato, tosse di mago

ti dimorava nelle fibre dell’anima…

Carpivi rimbalzi, rubavi

palloni che trasformavi,

con polpastrelli felpati,

in turbinose discese

e profetici assist

quando non finivi tu stesso

all’orizzonte, il sorriso

aperto alla platea.

Con Larry hai dato vita

a una Terra dei Sogni, scempiando

le cieche rivalità di razza, fratelli

nello stesso stile.

Sul podio olimpico hai pianto,

nella città di Gaudí,

oppure come un soldato-poeta

dell’Ellade remota

hai abbandonato lo scudo

per maggior orgoglio della vita.

Alberto Figliolia

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...