Colano le ombre…

Colano le ombre sul Golgotha.

Una croce lampeggia bianca nel crepuscolo.

Aleggiano ancora i sussurri e le grida della crocifissione

(e urla dalla folla assiepata – nasi grifagni e occhi spauriti

–e spasmi e sangue in onde concentriche).

Il pianto di ogni madre della Terra in una colomba nera.

Gocce di cielo cadono sulla polvere ignara di Gerusalemme.

(Passerà la salamandra del perdono fra il fuoco

o saranno sempre alberi come numeri di cenere

e voci imprigionate dietro recinti elettrificati?)

Chi svolgerà il sudario con i semidepositati da tanti inutili millenni?

È un popolo muto che s’incolonna nel silenzio della storia,

in attesa di piombo e bombe.

L’agnello attende sempre speranzoso il sacrificio:

saranno le stesse mani dell’amato padrone

a brandire il coltello fatale(e una pioggia di carbone non dilaverà

il plasma brillante che fluisce dal collo aperto).

E il giorno è un bruco peloso che divora ogni gemma.

Poi, un cerchio di luce radiosa dal sepolcro violato,

il sigillo di pietra spezzato.

Il pesce mistico nuota nella volta celeste:

il Salvatore sarà già lungo la strada

verso l’orizzonte?

Alberto Figliolia

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...