(Indifferenza fatta scienza)

(Indifferenza fatta scienza)

(Indifferenza fatta scienza)
Recito il mio mantra
seduto a occhi aperti.
La notte giaccio accanto
a cadaveri di ricordi
mentre fuori, nella strada sotto,
rimbombano colpi
di ragazzi che si picchiano
(e nessuno fa smettere
questa assurda fantasia),
e il buio è una tragica ovatta
che assorbe ogni eco.
Sappiamo di non lasciare traccia?
Pensiamo d’esser vivi,
così cadenti di quarantena?
Anatemi di frustrazione…
Ore di nevrosi…
Ma domani potrò ancora guardare
le piante sul balcone:
teneri germogli e frutti acerbi,
foglie lucide protese al sole;
e sarà anche delle mie vene
il gioco della fotosintesi;
e ascolterò il miracolo
del loro silenzio
fra cielo e terra.

Cesano Boscone, mercoledì 22 aprile 2020

Alberto Figliolia

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...