Ascolto i Notturni di Chopin

Ascolto i Notturni di Chopin
da una piccola radio
fra i libri;
guardo il tramonto da un davanzale
dipinto con lo stesso colore
del cielo che sovrasta;
cerco il Monte Rosa all’orizzonte,
ritaglio d’eterno
in questo tragico effimero;
penso alla pioggia
che verrà
e al vento che una notte
ha urlato – duro, pesante –
spingendo un uccello
nel terrore della fuga
fra le scale dell’edificio
a dibattersi impazzito;
ricordo il pianto notturno
delle mie figlie
in questa solitudine imposta;
ammiro la delicata forza
della pianta di pomodoro
sul balcone (un mondo
rettangolare d’aria balenante)
sopravvissuta all’inverno,
i suoi fiori gialli,
due frutti ancora verdi
e minuti, barlume
di speranza.
E mi domando perché…
perché bello e brutto s’ intreccino
in un indecifrabile enigma,
come i giorni
misteriosi e banali,
ansiosi e grandiosi,
spersi e spersi,
di questo aprile vissuto
con l’io lontano da sé
e, soprattutto, noi lontani da noi.
E tremo, tremo,
alla mente vagabonda,
di sovrapposti, inconcepibili, inutili
viaggi;
tremo, tremo
di estraneità e amore.

Cesano Boscone-sera/mattino, domenica 19-lunedì 20 aprile 2020

Alberto Figliolia

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...