Il Mago

Il Mago

Cavalcherò nella notte oscura
senza mai fermarmi senza mai fermarmi
il mantello d’oro all’aura dei pensieri
alla volta dell’orizzonte, alle sorgenti del vento
(come carri di nubi viola in pianeti alieni)
oltre le cupole della Città dei Peccati Ardenti
oltre le torri roride di sangue
fra spore di silenzio e amare radici
sfere di terrore e globi di rancore

Il mio volo a cavallo nel cielo cupo
senza mai fermarmi senza mai fermarmi
alla volta dell’orizzonte, alle sorgenti del vento
e di là contemplare
le astratte pietre degli amori perduti
tutte le infanzie d’oro del mondo
i sogni a venire per sempre e per sempre

mentre nelle bocche di freddi baratri
corvi becchettanti al banchetto non invitati
ridendo riposeranno

Alberto Figliolia

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...