MM lilla, in viaggio da Porta Garibaldi a Piazzale Lorenzo Lotto

MM lilla, in viaggio da Porta Garibaldi a Piazzale Lorenzo Lotto

 

Una bambina con stivalini

e cappottino rosa

con il papà sui sedili

della metropolitana

senza guidatore

(automi lanciati nell’oscurità!)

dal suo posto

dietro la vasta vetrata

del vagone di testa

(quasi un’astronave in rotta

nelle scintillanti tenebre cosmiche!)

finge di pilotare il treno

stringendo idealmente

nelle piccole mani chiuse

una cloche e premendo

a ogni fermata invisibili pulsanti

per l’apertura/chiusura

delle porte agli individuali destini.

E mentre il convoglio corre

solitario nelle ovattate

gallerie di cemento e ferro,

fra curve ed elettrici saliscendi

(brevi strappi nel tessuto temporale),

fra polvere e molecolari silenzi,

ignaro della pioggia che frusta

la città sepolta in alto,

la bambina ferma gli occhi

in un dolce stupore,

muta nenia dell’innocenza.

E a me, nell’ipogeo,

implacabili si schiudono le soglie

di un rimpianto antico.

 

Milano, lunedì 29 ottobre 2018-pomeriggio

 

Alberto Figliolia

twitter @phigliolia

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...