i ragni elettrici sulle teste

L’ascesso dell’ascissa/ è un sogno/ che mi turba.
Liquorosi liquami/ si riversano/ nei meandri dell’io.
Liquidi nembi/ abusano/ dell’orizzonte.
Da quanto tempo passeggiano/ i ragni elettrici sulle teste/ dei viaggiatori della metropolitana?
Dispari oggi/ è il cielo/ di metano.
Che ore sono nel mio pozzo?/ Troppo il divario/ fra fede e speranza
e incolmabili/ gli abissi/ d’amore.
La specie/ è/ qualità?
Negri crocifissi/ a lisergiche croci./ Ecce homo!

Alberto Figliolia

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...