Oltre la siepe (Omaggio ad Anna Achmatova)

Oltre la siepe (Omaggio ad Anna Achmatova)

Si sono volatilizzati settecento anni,

ma nulla è perduto:

sempre persiste un’eco di fondo,

scende dalle tenebre; dalle tenebre della mente;

sempre scende da quell’oscurità imperscrutabile;

sempre un soffuso sibilo sopravvive,

e lo stesso vento che vi si cela…

e lo stesso sospiro di chi fu…

È salda la coscienza di quel vuoto,

non bisogna sforzarsi per afferrarlo: esso dimore e divora.

Verrò con te oltre quella siepe, se vedrai il mio sguardo di dolore;

sii fiduciosa del nostro respiro.

Alberto Figliolia

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...