Avanza nel corridoio (nel vagone di un treno della metropolitana milanese)

Avanza nel corridoio (nel vagone di un treno della metropolitana milanese)

Avanza nel corridoio,

il volto ermafrodito,

senza peli,

giovane vecchio.

Apre

una confezione di plastica

contenente fette di formaggio

che getta, a una a una,

nel mezzo del vagone

ai due cani dal manto scuro

che ansiosi lo seguono

e che colgono al volo

quel cibo

da supermercato povero;

nell’altra mano

un bicchiere di cartone unto

per l’elemosina,

e la richiesta è accompagnata

da una voce estranea,

quasi aliena,

come da una ignota stella.

Le dita sono nero sporco.

Ma forse lui (o lei)

coi suoi animali

ha un barlume di felicità

a molti negato:

quella consapevolezza

dell’incerto agire

del mondo

e del multiforme essere.

 

Alberto Figliolia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...