Ode al cristallo di rocca

Ode al cristallo di rocca

Asgard

o

tomba di Superman?

Passerelle e ponti

di ghiaccio

o

luce cristallizzata?

Vuoti a – 273,15 °C.

Cordate di ialini

alieni.

Mondi fissati

nella morte bianca.

Neppure il martello

del dio

scuote l’inerzia

dei legami.

Ti osservo bene:

sulla tua frastagliata

superficie

giace il mantello

abbandonato

del figlio di Kripton

e nessuna idea

dei biondi campi

del Kansas.

Immobili prati

di erbe aguzze.

Anche le voci muoiono

in loro.

Isole reticolate

in universi

di domestica solitudine.

O forse sogno

alchemico,

sbiadita copia

di pietra filosofale?

 

Alberto Figliolia

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...