All’ombra dei pinnacoli di pietra

All’ombra dei pinnacoli di pietra,
nei canyon rosa,
sotto nuvole camminanti
la sibilla getta fumo
dalla bocca azzurra:
i seni suoi s’offrono
alle labbra del viandante.

Scintillano occhi
come galassie nelle distanze
che s’allontanano
alle brulicanti tenebre.
Siamo un volo cosmico
senza perché, astri perduti,
vortici, il battito d’ala
di un corvo parlante,
un grido assillante.

Noi non siamo noi;
noi siamo un luogo,
l’urlante silenzio dell’alba,
l’aura dell’ultimo giorno,
un tuono prima del lampo,
un cuore di cristallo
estratto dal petto sognante,
un diario grondante
luminoso sangue.

Varcheremo le porte
ad arco acuto del desiderio,
del delirio e del destino,
per sedere sul sofà
di sabbia che scivola
e scivola e scivola…

Alberto Figliolia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...