L’abito di un clown psichedelico

L’abito di un clown psichedelico.
Uomini-pesce e una donna-murena controllano lo sviluppo del fuoco.
La morte ci guarda dai nostri stessi occhi, affila la lama di un coltello etrusco, blu, il suo rugoso ghigno.
La sedia elettrica è in una stanza dalle piastrelle bianche, uno specchio rigato a funger da guardia.
Il condannato levita sarcastico mentre i palazzi fuori si dissolvono: polvere, vapore, nulla.
Un uomo dal cilindro arcobaleno scarica pillole nella mente, voli arabescati, scintillanti magneti, finti suicidi.
Salire un labirinto di scale… A ogni eccentrico pianerottolo una cella; in ogni cella un ricordo lacerante; e infinite son le celle, come briciole di universi segregati… Un licantropo dai canini spezzati. Orecchie e labbra strappate dalla tenaglia di dita roventi. La folla dei silenzi.
La torturata si offre al carnefice mentre il giudice incrocia le gambe su un materasso volante e insetti giganti amoreggiano fra le vetrine spaccate.
La condanna del proprio volto in gabbia.

Alberto Figliolia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...