SS 33 (o del Sempione)

SS 33 (o del Sempione)

Una mustang granata decappottabile
Una donna in sari rosso e un’altra in chador
Un africano in djellaba
E supermercati centri commerciali distributori automatici di carburanti spacci d’ogni genere e avvenenza
Il vento freddo frusta alberi e pietre
La cattedrale barocca ombra bianca fra il buio e il passeggiar confuso
Il bistrot in piazza musica che ronza nelle orecchie una cioccolata all’arancia e cannella
Le campane a stormo delle chiese abbandonate
Una birra rossa ghiacciata nel circolino celato fra le pieghe di un capannone fra le righe di una solitaria via risa strida grida tintinnar di ghiaccio nel calici opachi
Fuori la pioggia ticchetta sulla tettoia come una stanca mitragliatrice che abbia fatto il suo dovere scema e poi riattacca scema e poi riattacca scema e poi riattacca tatatatata tatatatata tatatatata
L’oscurità taglia in due i paesi (dov’è la campagna?) soltanto supermercati centri commerciali distributori automatici di carburanti spacci d’ogni genere e avvenenza
Sbagliare direzione con i tergicristalli che sbalenano come piccoli bracci robotici e l’ansia del respiro che si fa vapore ma mai nuvola
Un camion che ha smarrito la strada rallenta il passo rallenta il passo rallenta il passo non sa di essere un leviatano un leviatano un leviatano come il serpente snodabile dagli occhi di bragia delle auto che vanno vanno vanno verso dove vanno? forse han sbagliato verso forse credono di avere una meta forse sono scatole vuote e corrono corrono corrono forte al rallentatore al rallentatore al rallentatore
Le mie distanze oh le mie distanze incommensurabili microscopiche devastanti come reagenti acidi sulla pelle che brucia che brucia che brucia ma mai come l’anima mai come l’anima mai come l’anima
Arriverò a casa? In quale ora di quale giorno di quale era su quale pianeta?
Perché il sonno non mi mi accoglie nel suo silente tenebroso nembo?
Se non fosse per il tuono che rotola senza tregua mi sentirei morto invece sono vivo vivo vivo anche se non so non so non so

Fra Cesano Boscone-Busto Arsizio-Cesano Boscone, fra domenica 9 e martedì 11 ottobre 2016, fra giorno e sera

Alberto Figliolia

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...