Che cosa cerchi, Alvaro?

Che cosa cerchi, Alvaro,
in quella creta informe,
nel secco fango sul tavolo?
Forse nel suo cosmico buio
tu intravedi già l’idea della luce
o un sorriso che dia memoria
del sé; forse l’occhio di Dio
dall’infinita misericordia.
Che cosa modelli, Alvaro,
nella tua mente antica
con le mani ossute?
L’alba del mondo?
Il primordiale fiume del silenzio
che scorre nelle vene
del crepuscolo sognante?
Le rughe del tempo
che tracciano il soma
di ogni essere vivente?
No… è l’amore che tu vuoi trarre
da quell’accumulo oscuro,
l’incognito soffio che genera
il pulsare del tuo cuore,
del nostro cuore.

Alberto Figliolia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...