Negli archivi del cuore…

Negli archivi del cuore conservo

un cane di nome Jem e un altro di nome Athos,

giocattolini di latta, albi a fumetti (a strisce

o pagine alternate a colore e in bianco e nero)

letti nella penombra fra la polvere danzante,

un’invasione di cavallette, la raccolta delle mandorle,

la caponata di melanzane al mattino con mia zia,

fiabe illustrate, un giradischi a 33, 45 e 78 giri,

i soldatini di plastica, le biglie colorate,

i gasometri della Bovisa, i binari del tram,

le luci in Piazza Duomo, i bigliettini Perugina,

le figurine e la colla per attaccarle,

i Mondiali di Messico e nuvole, lo scudetto del 1971,

L’armata Brancaleone, la prima macchina per scrivere (una Everest),

la Citroën Squalo, la Giardinetta, la Dyane 2CV, la 600 familiare,

lo sbarco sulla Luna (che non ho veduto), i giochi all’oratorio,

le palline di semi di pioppo (i pappi), le nebbie d’autunno,

i bagni nelle rogge, i tramonti di Sirmione,

gli ideali negli “anni di piombo” (erano davvero così tetri?),

l’aroma della sera al limitare dei boschi di San Giacomo Filippo

e il freddo scorrere del Liro fra i massi levigati, 

Frankenstein di Mary Shelley, nata Wollstonecraft Godwin,

il mare di Follonica, le partite di basket

sulla terra battuta, la nascita dei figli,

bisticci e disperazioni

ma anche l’amore.

 

Alberto Figliolia (da La semina dei ricordi, 2013, Albalibri editore)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...