P.S. Post Scriptum

Volentieri ospito questa bella poesia di Giuseppe Catalano…

 

P.S. Post Scriptum

Amo il tempo che ti leggevo poesie

quando la luna stendeva il bianco

sull’asfalto e ci invitava a seguirlo.

L’auto scivolava dentro

quella luce calda dove mi perdevo

nel silenzio denso di parole

e nel tuo profilo di venere antica.

Al di là del tuo viso le luci

sfuggenti creavano atmosfera,

un dolce profumo inebriava il momento.

Ho fermato quell’attimo

socchiudendo gli occhi

che ritrovo ogni volta che ti penso.

Un flebile chiarore invade

questa stanza, guardo fuori

attraverso il vetro spesso

e si perdono i miei pensieri

tra la rugiada e la nebbia

oltre quel muro senza tempo.

Amo il tempo che ti leggevo poesie

dove mi perdevo

nel silenzio denso di parole.

 

Giuseppe Catalano

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...