La cotoletta era fredda…

 

La cotoletta era fredda così come le patatine

il locale era affollato ma rado, rumoroso ma dissolto, fors’anche insipido e stolto

l’attenzione si scioglieva e distoglieva

si discuteva di Picasso fra giornalisti e commensali

delle implicazioni di Guernica e delle grigie smorfie del Massacro in Corea

parlando in lingue estranee ma anche in islandese e polacco

qualcuno citava Jorge Luis Borges e le labirintiche forme della storia

senza sapere che la notte avanzava

a impietose falcate nel cuore di ciascuno

Pareva impossibile ma perdevamo ogni treno alla stazione

fosse colpa dell’impassibile capostazione col suo fischietto grondante linfa?

… perdevamo qualsiasi mezzo di trasporto, a dire il vero e anche a dire il falso

non ci restava che quella grappa infima e inferma

distillata dalla disperazione di ogni risveglio all’alba

dopo una marcia forzata nel sogno

 

Alberto Figliolia

twitter @phigliolia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...