Perché al bivio

Perché al bivio

Perché al bivio

scegli sempre la strada sbagliata

e ti ritrovi in un albergo malfamato

con figli che invecchiano

e ringiovaniscono

come avessero mangiato

il fungo di Alice?

E nella radura di quell’albergo,

(a dire il vero più un motel)

macchine scassate,

anni Cinquanta

(o trapiantate da San Cristóbal de La Habana),

parcheggiate storte

e, dentro, ammuffite stanze

e scalinate sbrecciate

che conducono a cessi

per avventurieri, puttane e santi,

marinai e prosseneti, eroi

infimi, infami.

Avrei voluto prendere quell’aereo

per Madrid

ma il tempo, imitazione

sfrenata di sé, s’imbizzarriva

e mi riportava a quei pavimenti

sconnessi, al passato

in brandelli, ai ricordi

che mutano… ai ricordi…

ai ricordi che mutano…ai ricordi…

ai ricordi che mutano…

sempre.

Alberto Figliolia

twitter @phigliolia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...