Archivi del mese: novembre 2015

Terzo haiga di giornata by Alberto Figliolia (testo) e Margherita Lazzati (fotografia)

Eco di passi fra le rive mute eterno in sillabe

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Secondo haiga di giornata: testo di Alberto Figliolia e fotografia di Margherita Lazzati

Placido scorre il fiume della sera fra tenere ombre

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Haiga by Alberto Figliolia (testo) e Margherita Lazzati (foto)

Nessuna gabbia può arrestare la marcia di cieli e alberi

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

tre poesie

Ospito volentieri tre poesie (due di Pino Carnovale e una di Alfredo Visconti)… Oltre l’ombra Ormai sono persona senza mistero, prima che il cuore imparasse ad amare tutto ignoravo lungo la via.   Quando ancora avevo un sorriso innocente e … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Haiku per Parigi

  Haiku per Parigi Strade d’autunno e vittime innocenti, geme Parigi. Nebbiose lacrime soavi crepitando piangono gli alberi. Novembre, il tredici: nella Ville Lumière spari, grida, esplosioni. Nel nome di chi? Allah, Dio, God, Dieu, Dominus… Strade linfatiche, foglie cadute, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

In capo al mondo-Walter Bonatti

Quello che riportai dal K2 fu soprattutto un grosso fardello di esperienze personali negative, direi fin troppo crude per i miei giovani anni. La realtà è il cinque per cento della vita. L’uomo deve sognare per salvarsi. C’è stato il … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Qualcuno volò sul nido del cuculo, Teatro Carcano

Fu un Jack Nicholson indimenticabile. Così come scolpite nella memoria collettiva sono le figure della perfida infermiera Mildred Ratched, interpretata da Louise Fletcher, e del Grande Capo Bromden, interpretato da Will Sampson. Qualcuno volò sul nido del cuculo (One Flew … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Era la notte dopo il giorno dei morti

Si erano rinchiusi nel granaio la scritta Ribelli sulla porta dormivano sulla paglia ex combattenti rassegnati Pensai… Perché non fuggire nella notte franca sullo skateboard della libertà fra cunicoli e torbide scale? Così io e l’amico volammo fra curve barocche … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento