Haiku per Parigi

 

Haiku per Parigi

Strade d’autunno
e vittime innocenti,
geme Parigi.

Nebbiose lacrime
soavi crepitando
piangono gli alberi.

Novembre, il tredici:
nella Ville Lumière
spari, grida, esplosioni.

Nel nome di chi?
Allah, Dio, God, Dieu, Dominus…
Strade linfatiche,

foglie cadute,
i sogni dei poeti
spazzati via.

Folli colonne…
Sacri suicidi, osanna…
Sangue di bimbi.

Realpolitik…
La guerra fra ultimi e ultimi…
I crani aperti.

Toraci e squarci…
Uno per uno, a terra,
a supplicare.

E bombe ancora
in altri altrove, stupri,
tende nel fango,

mitra dans les rues,
fantasmi, alieni, martiri…
Dov’è pietà?

Musica rotta…
Concerto di proiettili…
L’apocalisse.

Fratelli in morte
gli affogati nel mare
e i morti nei bar.

Strade d’autunno
e vittime innocenti,
geme Parigi.

Alberto Figliolia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...