Sull’oscuro greto del fiume

Sull’oscuro greto del fiume
arrivai
dopo un lungo viaggio
nella luce del sogno:
la sponda (dell’altra non so)
su cui muovevo la mente
era abitata
da fantasmi e figure
che furono umane
(ma io non ne conoscevo alcuna).
Resistetti
nel corso delle idee
a ogni tentazione
mentre, ostinate e soavi,
calavano le ombre della sera;
resistetti
a scorpioni, serpi, ramarri
e camaleonti dalla lingua rinsecchita,
a cani-vampiro e a gatti dagli artigli crudeli.
In una stanza aperta al vento
avevo riconosciuto
gli idoli d’oro dell’infanzia
e mani e carezze materne
mentre scoprivo
il buio potere
del desiderio.
Ma ormai ero arrivato,
fra bisbiglii, sussurri, confidenze non richieste,
eros clandestino e martirio,
confessioni e segreti,
sull’oscuro greto del fiume
dopo un lungo viaggio
nella luce del sogno.
Ma ancora non avevo saputo riconoscere
la voce dell’amore.

Alberto Figliolia (da “Poesie scelte”, Albalibri, 2010)

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...