Sull’oscuro greto del fiume

Sull’oscuro greto del fiume
arrivai
dopo un lungo viaggio
nella luce del sogno:
la sponda (dell’altra non so)
su cui muovevo la mente
era abitata
da fantasmi e figure
che furono umane
(ma io non ne conoscevo alcuna).
Resistetti
nel corso delle idee
a ogni tentazione
mentre, ostinate e soavi,
calavano le ombre della sera;
resistetti
a scorpioni, serpi, ramarri
e camaleonti dalla lingua rinsecchita,
a cani-vampiro e a gatti dagli artigli crudeli.
In una stanza aperta al vento
avevo riconosciuto
gli idoli d’oro dell’infanzia
e mani e carezze materne
mentre scoprivo
il buio potere
del desiderio.
Ma ormai ero arrivato,
fra bisbiglii, sussurri, confidenze non richieste,
eros clandestino e martirio,
confessioni e segreti,
sull’oscuro greto del fiume
dopo un lungo viaggio
nella luce del sogno.
Ma ancora non avevo saputo riconoscere
la voce dell’amore.

Alberto Figliolia (da “Poesie scelte”, Albalibri, 2010)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...