A Gianpiero Combi

Gianpiero Combi

Come un ragno nell’ombra
la muta nera fra i pali quadrati,
tuffi su tacchetti rompiossa,
il tuo mestiere era arduo coraggio,
idea di fermare il moto delle sfere
nell’eterno istante di una presa volante
o una respinta a pugno
in un balzo felino ed elegante.

Campione del mondo senza volerlo,
dal ritiro mancato al dispetto di Puč ,
sotto la guida dell’ufficiale alpino poliglotta:
patria, sangue e ideale.

Fu meglio l’azzurro dei Savoia
o il bianconero degli Agnelli
per te, lupo agli attaccanti
lanciati a rete?

Anni Venti e Giochi Olimpici,
Danubi blu e telefoni bianchi,
campi pelati, erba e silenzi
di palloni calciati al volo
celebrati dalle tue ferree mani
guantate, o padre dei nostri portieri.

Alberto Figliolia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...