Ci devitalizzano il giorno…

Ci devitalizzano il giorno
e il lavoro è un ascesso
sanguinolento:
burocratico plasma, stelle spente.
Padroni, direttori e sbirri hanno ripulito
il tombone da ogni presenza di gatto randagio
e il miagolio disperato è divenuto pioggia colorata.
Camminiamo in una notte che non si vuole
fra folle di morti viventi
in un carcere che è brusio e pianto di bambini senza volto,
si distribuiscono bigliettini d’infelicità permanente
e collezioni d’ipocrisia in forma di figurine
e vociferano diavoli canuti, incravattati di tagliole elettroniche,
senza sapere che la falce pareggia ogni erba.
O gloria, perché il tuo destino è così stropicciato nelle tasche della paura,
dell’indesiderio?
Nella macina del sogno cadono gli amori,
nella macchina genealogica si consumano i figli
e il pensiero altro non è che azzardata cautela.
Così, nel convegno della frustrazione, trasciniamo
i miseri residui del nostro esistere
mentre echeggia nei polari saloni di vetro
la nera risata del Potere 
(verbo sempre servile).

Alberto Figliolia

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...