Omaggio ad Abdellatif Kechiche, Fondazione Cineteca Italiana

Ricevo e volentieri pubblico…Image 

 

Sala Alda Merini – Spazio Oberdan – Provincia di Milano

Viale Vittorio Veneto 2, Milano

 

IL GRANDE CINEMA DI ABDELLATIF KECHICHE

DALL’1 ALL’11 GENNAIO 2014

 

Presso la Sala Alda Merini – Spazio Oberdan della Provincia di Milano, dall’1 all’11 gennaio 2014, Fondazione Cineteca Italiana propone una rassegna completa dedicata al grande cinema di Abdellatif Kechiche, regista franco-tunisino vincitore della Palma d’Oro 2013 al Festival di Cannes con La vita di Adele.

Pur avendo realizzato solo 5 lungometraggi, Kechiche è oggi uno dei registi migliori del panorama cinematografico mondiale. Dopo aver studiato teatro, Kechiche approda al cinema all’inizio degli anni Ottanta in veste di attore. Ma la sua vocazione è la regia e finalmente, nel 1999, realizza il suo primo lungometraggio, Tutta colpa di Voltaire. In questo esordio, Kechiche già mostra i tratti essenziali del suo cinema: sguardo affondato nella realtà, grande attenzione al fattore umano, utilizzo di un linguaggio filmico molto personale e ricco di sfumature che tallona da vicino i personaggi. Un’estetica confermata nel successivo La schivata (2003), opera della piena maturità, con un impianto drammaturgico in cui sentimenti e problemi sociali si fondono alla perfezione. Con il suo terzo lungometraggio, Cous Cous (2007), Gran premio della giuria al festival di Venezia, Kechiche ottiene la consacrazione internazionale. Attraverso la storia di una famiglia francese di origine araba, Cous Cous ci parla di concetti chiave quali amicizia, solidarietà e condivisione, adottando un linguaggio libero, sincero e di irresistibile forza espressiva. Il penultimo film del regista franco tunisino, Venere nera (2010) è il suo più controverso, un’opera complessa sulle implicazioni oltraggiose dello sguardo e dello spettacolo forse non del tutto riuscita ma che proprio nell’ambito di una retrospettiva completa come questa merita di essere vista. Infine, è di questo 2013 lo straordinario La vita di Adèle. Palma d’oro all’ultimo festival di Cannes, La vita di Adèle è un inno alla vita, una storia d’amore e di formazione incentrata sul rapporto fra due ragazze adolescenti che oltrepassa il realismo dei fatti riuscendo a catturare la verità dell’esistenza e il suo inarrestabile fluire.

Schede dei film

Cous Cous

R. e sc.:Abdellatif Kechiche. Int.: Habib Boufares, Hafsia Herzi, Faridah Benkhetache, Abdelhamid Aktouche. Francia, 2007, col., 151′.

Beiji è un sessantenne che vive e lavora al porto. Stanco del suo faticoso lavoro ma desideroso di restare vicino alla ex moglie e alla famiglia, sogna di aprire un ristorante su un vecchio barcone in disarmo. Fra mille difficoltà il progetto prende corpo e con l’aiuto di parenti e amici sarà realizzato. Ma la sera dell’inaugurazione non tutto va per il meglio: ancora una volta il destino sarà crudele con Beiji.

 

La schivata

R.: Abdellatif Kechiche. Sc.: Abdellatif Kechiche, Ghalia Lacroix. Int.: Osman Elkharraz, Sara Forestier, Sabrina Ouazani, Nanou Benhamou. Francia, 2004, col., 117′.

In una cittadina nei sobborghi di Parigi vive Lydia, una ragazza bella e sognatrice. Dopo essere stata scelta per recitare nello spettacolo di fine anno ispirato al testo Gioco del caso edell’amore di Marivaux, decide di comprare per l’occasione un bellissimo vestito da principessa del Settecento. Lydia sa che è un costume di scena ma non riesce a resistere alla tentazione: lo indossa e con disinvoltura cammina per le strade del suo quartiere come una vera diva. La gente che la vede, anziché prenderla per matta, ne resta incantata, come Krimo, il bulletto della zona, che si innamora di lei al primo sguardo.

 

Tutta colpa di Voltaire

R. e sc.: Abdellatif Kechiche. Int.: Sami Bouajila, Élodie Bouchez, Aure Atika, Bruno Lochet. Francia, 2000, col., 131′.

La famiglia Brahimi a Tunisi ha come al solito un risveglio movimentato. Le donne preparano I bambini per la scuola e riordinano la casa, il primogenito Jallel, di ventisette anni, va in centro a vendere sui marciapiedi ogni sorta di mercanzia. Quel giorno incontra Mahmoud, un conoscente espulso dalla Germania che lo spinge ad acquistare un passaggio clandestino nella stiva di un mercantile. Jallel, novello Candide, si imbarca per la Francia alla ricerca di un’occasione che lo porti verso il benessere.

 

La venere nera

R.: Abdellatif Kechiche. Sc.: Abdellatif Kechiche, Ghalya Lacroix. Int.: Yahima Torrès, André Jacobs, Olivier Gourmet, Elina Löwenson. Francia, 2010, col., 159′.

Europa, XIX secolo. La vita e le disavventure della giovane Saartjie Baartman, meglio nota come la Venere Ottentotta a causa delle sue particolari caratteristiche fisiche. Appartenente al popolo dei Khosan, I più antichi umani stabilitisi nell’Africa australe, venne portata in Europa con l’inganno e in seguito fu esposta come fenomeno da baraccone in Inghilterra, Olanda e Francia. Oggetto di studi per scienziati e pittori, la Venere Ottentotta fu utilizzata anche come oggetto sessuale. Morì drammaticamente a Parigi nel 1815.

 

La vita di Adele

R.: Abdellatif Kechiche. Sc.: Abdellatif Kechiche, Ghalya Lacroix, dal graphic novel Il blu è un colore caldo di Julie Maroh. Int.: Léa Seydoux, Adèle Exarxhopoulos, Salim Kechiouche, Mona Walravens. Francia, 2013, col., 179′.

La quindicenne Adèle sogna di trovare l’amore della sua vita. Quando incontra Thomas, un affascinante sconosciuo che si innamora di lei all’istante, il suo sogno sembra essersi avverato. Tuttavia, la serenità del loro rapporto potrebbe essere minata dalle fantasticherie erotiche di Adèle su una misteriosa ragazza dai capelli blu che ha incontrato per strada. Quando la bellissima e sensuale ragazza riappare e le si avvicina, scoppia tra le due una passione travolgente che provoca il caos.

 

Calendario

MERCOLEDÌ 1 GENNAIO

h 17.00 La vita di Adele

GIOVEDÌ 2 GENNAIO

h 16.30 Tutta colpa di Voltaire

h 18.00 La venere nera

h 21.15 La schivata

VENERDÌ 3 GENNAIO

h 21.00 Cous Cous

SABATO 4 GENNAIO

h 15.00 La venere nera

DOMENICA 5 GENNAIO

h 21.15 La schivata

LUNEDÌ 6 GENNAIO

h 15.00 Cous Cous

MERCOLEDÌ 8 GENNAIO

h 21.15 Tutta colpa di Voltaire

GIOVEDÌ 9 GENNAIO

h 18.00 La venere nera

VENERDÌ 10 GENNAIO

h 21.00 La vita di Adele

SABATO 11 GENNAIO

h 17.00 La schivata

 

INFO

info@cinetecamilano.it

www.cinetecamilano.it

T 02 87242114

 

 

Cineteca Milano @cinetecamilano

 

 

MODALITÀ D’INGRESSO

Biglietto d’ingresso:intero € 7,00

Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera: € 5,50

Cinetessera annuale: € 5,00, valida anche per le proiezioni all’ Area Metropolis 2.0 – Paderno Dugnano.

I biglietti possono essere acquistati in prevendita alla cassa di Spazio Oberdan da una settimana prima dell’evento nei giorni e negli orari di apertura della biglietteria.

 

UFFICI STAMPA

Fondazione Cineteca Italiana

Cristiana Ferrari ufficiostampa@cinetecamilano.it – 0287242114;

Provincia di Milano/Cultura

g.bocca@provincia.milano.it; m.piccardi@provincia.milano.it – 02.7740.6310/6359

Addetto stampa Assessore: f.provera@provincia.milano.ittel. 02.7740.4393Image

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...